Connettiti con noi

Moto2

ESCLUSIVA MN24 – Roberts: «Sono molto fiducioso»

Pubblicato

su

Non è stata una stagione per semplice quella di Joe Roberts in Moto2, complicata anche dall’infortunio. Quest’anno l’obiettivo è chiaro

Joe Roberts è al secondo anno con il team Italtrans in Moto2: Il 2021 è stato un anno di alti e bassi, complicato anche dalla frattura alla clavicola a metà stagione, quando sembrava che avesse iniziato a capire la nuova moto. I risultati sono stati scarsi, ma non sembra avere nessuna pressione addosso: l’obiettivo è vincere, ma l’approccio è molto tranquillo e rilassato che, secondo il pilota statunitense, è l’unico modo per fare un buon lavoro e mostrare il suo potenziale.

Abbiamo raggiunto Joe, per farci raccontare come sta vivendo questi giorni che lo avvicinano alla nuova stagione.

Partiamo dalla scorsa stagione: come è andata? E come sta la tua spalla, dato che hai subito un infortunio alla spalla?
La scorsa stagione non è andata come ci aspettavamo, per tanti motivi, abbiamo solo avuto un anno difficile. È iniziato davvero bene, ci siamo persi a metà, poi verso la fine sembrava che ci stessimo rimettendo in carreggiata, stessimo iniziando a trovare la nostra strada e poi mi sono rotto la clavicola, che ha messo una brutta fine alla stagione. Penso che sia stata una parte davvero difficile dell’anno da affrontare. Nel complesso, mi sento ancora positivo a riguardo. Ho avuto modo di imparare molto sulla squadra, molto su di me e su come affrontare la stagione. La spalla è al 100% ora, devo vedere come sta andando con la Moto2 e le gare di Moto2, ma in tutto il mio allenamento che ho fatto la mia spalla andava bene.

Pensi di poter essere competitivo fin dall’inizio?
Sì, penso che lo sarò. Perchè no?

Cosa ti aspetti dalla nuova moto?
Non lo so. Kalex ha fatto delle modifiche. Hanno cambiato il telaio in questa stagione, quindi devo vedere la prossima settimana come mi sento sulla moto, ma penso che dovrebbe essere una buona cosa, sembra che le nuove parti e le nuove modifiche siano nella direzione in cui volevo aiuto, quindi vediamo.

Pensi che la nuova moto possa mettere in risalto i tuoi punti di forza nella guida?
Sì, penso che la cosa principale sia che io devo evidenziare i miei punti di forza. E penso che il Qatar sia una buona pista per iniziare. Voglio dire, è un posto che amo, una pista su cui vado veloce, quindi sono davvero fiducioso. Non lo so, quest’anno mi sento calmo mentre si avvicina la nuova stagione, mi sento davvero rilassato e mi sento davvero fiducioso nelle persone con cui lavoriamo nel team.

Creare un’atmosfera positiva all’interno dell’area con tutta la squadra è importante per fare un buon lavoro. Come si fa?
Penso che sia solo essere una persona positiva all’interno della squadra, è davvero importante e non lasciare che il momento difficile ti renda duro. Rendendosi conto che a volte saranno dei momenti difficili ma devi solo tornare. Tutti in questa squadra sono così gentili, non c’è nessuno una persona cattiva. Tutti qui sono ancora molto appassionati e tutti qui vogliono vincere, quindi è abbastanza facile creare un’atmosfera positiva.

Come gestisci il tuo rapporto con Lorenzo? Le restrizioni dovute al Covid hanno aiutato a costruire una relazione tra voi due, o la relazione è rimasta la stessa?
Mi piace molto Lorenzo. È uno dei migliori compagni di squadra che abbia mai avuto, una persona davvero simpatica e un grande pilota. Penso che il nostro stile di guida sia molto diverso: lui è molto più piccolo di me, pesa molto meno di me, il suo stile di guida è decisamente diverso dal mio quindi a volte potrebbe essere difficile confrontarlo con uno del genere, ma per quanto riguarda il rapporto personale è è molto forte.

Qual è la caratteristica del tuo compagno di squadra di guidare, vorresti avere?
Non lo so davvero, siamo solo molto diversi.

Quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza nella guida?
Non lo so, a dire il vero. Non mi piace pensare sempre così. Voglio dire, lo faccio, ma allo stesso tempo devi essere il meglio che puoi essere, quindi non voglio davvero pensare alle mie debolezze.

Come ci si prepara psicologicamente a una stagione in cui c’è ancora il rischio che alcune gare possano svolgersi senza pubblico o addirittura saltare a causa del Covid?
Penso che il Covid sia qualcosa che che ha reso tutto più difficile nel 2020. Abbiamo fatto più gare sulla stessa pista, a dire il vero non mi piace molto. Penso che un weekend di gara richieda molta energia mentale e la mia sensazione personale è che sia bello presentarsi per affrontare la gara al massino della propria energia mentale e passare al prossimo percorso. Voglio dire, a volte può essere a tuo favore, perché se è una pista che ti piace davvero, fai bene, quindi è bello fare più gare perché puoi finire bene e ottenere buoni punti per il campionato. Ma per me è semplicemente meglio non ripetere le piste. Gareggiare senza fan non è qualcosa che mi piace, mi sentivo davvero vuoto, letteralmente, il pubblico ci da energia, ed è una delle parti più belle fare questo sport, questo sport non esiste senza i fan.

Quale gara del calendario stai aspettando di più?
Ci sono un paio di piste che mi piacciono molto: il Qatar è difficile perché le condizioni giocano davvero un ruolo lì, con il vento e la sabbia in pista, è un po’ una sfida ma è una buona pista per me. Ho sempre amato andare a Le Mans, indipendentemente dalla squadra e dalla moto su cui stavo guidando, ho sempre trovato un buon risultato a modo mio. Il Mugello è una pista davvero bella e, delle italiane io preferisco il Mugello a Misano. Mi piace anche il Barcellona.

Qual è il tuo obiettivo per la prossima stagione?
L’obiettivo è solo quello di fare il meglio che possiamo, estrarre il massimo potenziale da questa squadra e da me. Sto lavorando con una squadra davvero buona e persone davvero brave, c’è molto potenziale, dobbiamo solo lavorare correttamente e lavorare nel modo giusto e penso che possiamo fare… non so dove possiamo essere, ma So dal passato che posso essere davvero veloce e possiamo lottare per le prime posizioni. Ovviamente l’obiettivo è vincere le gare.

C’è un favorito in Moto2 per la vittoria del titolo?
Non lo so, i piloti che ci sono sono davvero forti, ci sono molti piloti che possono vincere le gare, quindi dobbiamo vedere.

Quanto sei cresciuto come pilota nelle ultime stagioni?
Ogni anno invecchi e inizi a essere più saggio, quindi penso di essere più saggio! Solo, ho più conoscenza di questa classe. Voglio dire, la mia esperienza a livello mondiale è piuttosto bassa rispetto ad altri piloti contro cui sto correndo. Penso che ogni anno imparo molte cose. In questa stagione mi sento più calmo e rilassato, pronto per la stagione, pronto per iniziare. Ovviamente, eccitato e felice di correre di nuovo.


Si ringrazia l’ufficio stampa del team Italtrans per la disponibilità e la cordialità

© riproduzione riservata