Connettiti con noi

Formula 1

F1, Vasseur sul futuro di Giovinazzi: «Deve cogliere l’occasione»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il team principal dell’Alfa Romeo, Frédéric Vasseur, ha parlato del futuro del suo attuale pilota, Antonio Giovinazzi

Il secondo sedile dell’Alfa Romeo è l’ultimo tassello per completare il quadro della stagione 2022 di F1. Se un posto in Alfa è già stato assegnato a Bottas – che prenderà il posto di Raikkonen -, il sedile di Antonio Giovinazzi è ancora tutto da stabilire.

I nomi in lizza per sostituire eventualmente l’italiano sono quelli di Oscar Piastri, Guanyu Zhou e Théo Pourchaire. Stando a quanto riferisce Frédéric Vasseur – team principal del team -, le possibilità che l’italiano sia ancora alla guida dell’Alfa Romeo sono concrete.

Così il manager francese ha spiegato a RACER: «In termini di prestazioni pure dobbiamo analizzare le qualifiche e le gare. L’anno scorso ha fatto delle ottime gare ed era il più veloce nel corso del primo giro, e dunque si è comportato bene. Tuttavia, questa stagione non è stato all’altezza quando doveva progredire dalla Q1 in poi. Nelle ultime prove è però migliorato, e mi ha fatto piacere vederlo mantenere le promesse facendo un passo in avanti. Ha fatto progressi dalla Q1 alla Q2, e dalla Q2 alla Q3. Ovviamente l’obiettivo resta quello di conquistare punti, e nelle ultime gare è stato un po’ difficile. Ma allo stesso tempo so che è capace di fare il suo lavoro, ed attendo il weekend in cui riuscirà a far tutto bene, dal ritmo della qualifica a quello della gara, dal primo all’ultimo giro».

Sul futuro del suo pilota ha poi concluso: «L’aspetto positivo della nostra posizione è che possiamo aspettare, dato che abbiamo contatti con altri piloti e abbiamo tutto sotto controllo. Considero la situazione come un’opportunità per Antonio, perché è lui che è in macchina e deve dimostrare di fare un buon lavoro e migliorare. È molto più frustrante essere fuori dalla vettura ed attendere gli altri per vedere se stanno facendo bene o male il proprio dovere. Antonio ha questa occasione, e deve coglierla».