F1, Vettel e Leclerc analizzano l’incidente a Interlagos: «Ma i rapporti non cambiano» – VIDEO

Nel postgara di Interlagos Vettel e Leclerc hanno cercato di analizzare l’incidente. Nonostante i tentativi di stemperare, la tensione resta alta

Che i rapporti tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc non fossero idilliaci era un dato di fatto, già da diverso tempo. A Interlagos, però, c’è stata probabilmente la stilla della rottura totale, probabilmente insanabile. Il tutto è accaduto al giro 66°, quindi quando ne mancavano ormai pochi alla fine del Gran Premio: il monegasco sorpassa Vettel sul rettilineo, salvo poi essere ricevere il controsorpasso dal tedesco, all’altezza del rettilineo successivo. Ed è qui che si consuma la “tragedia” sportiva: il tedesco allarga a destra, ma nel piegare leggermente a sinistra tocca la gomma del monegasco. Le gomme di entrambi, a pochi istanti di distanza, si sgonfiano ed entrambi sono costretti al ritiro.

Nell’immediatezza dell’accaduto, via radio si avverte un «Ma che diavolo fa?». La situazione rimane tesa anche nel post gara, nonostante entrambi i piloti cerchino di stemperare la tensione. Un segnale che dimostra come la convivenza tra Vettel e Leclerc, in prospettiva, sembri terribilmente complicata. E le dichiarazioni di facciata dei due al termine del Gran Premio non bastano a porre fine alla diatriba: «Un vero peccato per la squadra, potevamo portare a casa un risultato migliore». Ma entrambi non sembrano ammettere la proprio colpa: «Eravamo in lotta, sono uscito meglio. Pensavo di essere già passato e ci siamo toccati, ma non so spiegare il motivo. Io andavo dritto…» dice Sebastian Vettel.

Non è da meno, anzi cerca di glissare l’argomento Charles Leclerc, apparso però visibilmente contrariato: «Sarà necessario analizzare il tutto con il team. Io avevo sorpassato, mi sono messo all’interno, lui è andato pure lì e io ero lì… E purtroppo è arrivato l’inevitabile contatto. Preferirei non parlare di responsabilità. Alla fine siamo maturi per capire che queste cose capitano, era il momento sbagliato perché stiamo lottando per il terzo posto. Il rapporto con lui non cambierà». Convocati entrambi dalla Commissione Gara, Vettel e Leclerc se la cavano senza ulteriori beffe e sanzioni.