Santi Hernandez svela il segreto di Marc Marquez

Marc Marquez
@Honda

Santi Hernández, il capo meccanico di Marc Marquez, è anche il suo primo tifoso e non ha dubbi: «E’ il miglior pilota della MotoGP, questa è la cosa più importante»

Lo vediamo spesso seduto accanto a Marc Marquez quando è nei box, al parco chiuso a festeggiarlo per ogni pole, sotto al podio le tante volte che il pilota di Cervera vince o arriva tra i primi, e anche indaffarato a riparare la Honda RC213V numero 93 quando (e anche questo capita spesso!) lo spagnolo cade. Eppure di Santi Hernández, capo meccanico della squadra del cinque volte Campione del Mondo, sappiamo poco, a differenza degli omologhi Galbusera (per Valentino), Forcada (per Vinales, ma in passato noto capo di Lorenzo) e Guidotti (per Pedrosa). Questo perché è uno che parla poco Hernández, ma dopo la vittoria nel GP di Germania che è valsa il ritorno a leader del Mondiale per Marquez, è stato interpellato da Marca: il tecnico è infatti uno dei migliori consiglieri del pilota e, come lo stesso Marc ha rivelato nelle interviste post- gara, gli aveva pronosticato che a metà campionato sarebbe tornato primo in classifica, credendoci anche quando al Mugello il suo distacco dalla vetta aveva toccato i 37 punti «Io sono ottimista perché ho il miglior pilota della MotoGP. Questa è la cosa più importante. Quando si ha il miglior pilota bisogna solo avere fiducia. Il segreto è il lavoro di squadra, lo sforzo e le qualità di Marc, che fa sempre la differenza».

Insomma, Santi Hernández si fa sentire poco, ma quando lo fa non è banale. «Siamo un bel gruppo, lui sa perché gli ho inviato quel messaggio, non era per dare morale era per altre cose» ha risposto, mantenendo la riservatezza che lo contraddistingue, alla domanda sul perché di quello che disse a Marquez tramite Whatsapp dopo la gara di Le Mans, in uno dei momenti più difficili di questo inizio campionato del pilota di punta Honda. E nonostante sia il primo tifoso di Marc, per il campionato sa che il suo campione dovrà sgomitare fino all’ultima curva dell’ultima gara con avversari fortissimi: «Il campionato è molto difficile, in testa si sono già alternati tanti piloti. In ogni Gran Premio vengono rimescolate tutte le carte. Dobbiamo continuare a restare con i piedi per terra. Ci dobbiamo godere questa vittoria. Bisogna pensare alle vacanze, ma con la consapevolezza che il campionato non sarà facile. Dobbiamo continuare a lottare». Marc Marquez sarà pure il migliore dello schieramento MotoGP agli occhi del suo capo meccanico, ma, per esserlo agli occhi di tutto il mondo e dei suoi rivali anche alla fine di quest’anno, dovrà ridimostrarlo in pista. Facendo i conti con Vinales, Dovizioso e Rossi, che non sono tanto d’accordo.