MotoGP, Albesiano vuole Danilo Petrucci in Aprilia

petrucci

Il numero uno di Noale senza tanti giri di parole ha dichiarato il suo obiettivo numero uno per il mercato della prossima stagione

Già dalla presentazione ufficiale, si era capito che Aprilia sarebbe stata più ambiziosa quest’anno, con la sua livrea tricolore sublime. La moto si è sviluppata ed è più performante della scorsa stagione, infatti il nuovo obiettivo di questa annata è quello di classificarsi tra i primi 10 ogni GP con entrambi i piloti, il confermato Aleix Espargaro e il neo arrivo Scott Redding. Il pilota britannico, dovrà essere freddo e subito in palla per guadagnarsi la conferma, visto che appare indietro nelle gerarchie rispetto al compagno ex Suzuki, e che il prossimo anno il team di Noale vuole condividere il loro progetto con un Top rider. Il sogno nel cassetto sarebbe Andrea Dovizioso, ma anche se il pilota forlivese non rinnovasse l’accordo con la Ducati appare un’utopia un suo approdo in Aprilia.

Di conseguenza, l’obiettivo numero è Danilo Petrucci, visto che il suo rapporto con la Pramac è giunto al capolinea e che la sua promozione nel team ufficiale appare improbabile. Danilo, non ha mai nascosto il suo interesse a correre per una casa così tradizionale e già l’anno scorso, c’era stato un tentativo di ingaggio andato a salve della scuderia nostrana nei confronti proprio di Petrux.

Intervistato da Sky, Romano Albesiano ha strizzato l’occhio al pilota ternano: «La mia opinione su Danilo è più che positiva, lo conosco dai tempi della ART. Lui è un pilota velocissimo e un bravissimo ragazzo. Un pilota italiano ci piacerebbe, è una cosa in più, ma non è un fatto fondamentale». Il boss dell’Aprilia, ha avuto parole al miele anche per Aleix Espargaro: «Aleix si identifica con il nostro progetto. Lui è già stato in Aprilia con ART facendo molto bene. Ha mantenuto la stessa positività e gli stessi risultati. Lui si sente parte attiva del progetto complessivo e noi lo sentiamo parte del progetto complessivo. L’esempio di Dovizioso che lui ha fatto è un esempio bellissimo che speriamo lui ripeta». Insomma, il destino di Scott appare già segnato.