MotoGP Assen, i piloti commentano il dopo gara

Scommesse Motogp
@Yamaha

Il Gran Premio di Assen riserva sempre delle grandissime sorprese rimescolando i valori in campo e di conseguenza anche i risultati di gara: Valentino Rossi, Danilo Petrucci e Marc Marquez conquistano la vetta dopo una gara disputata al cardiopalma!

Valentino Rossi non vinceva da Barcellona 2016 ma il suo talento e la sua voglia non hanno fine ed anche oggi ha dimostrato ancora il suo valore e la sua voglia di vincere e di conquistare il suo decimo iridato. Il dottore ha condotto una gara spettacolare cercando di non commettere errori controllando allo stesso tempo gli avversari ed anche quando le condizioni si sono rese più difficili è riuscito a mantenere la calma e la concentrazione per riuscire a conquistare la sua decima sul TT.

Queste le parole del Dottore arrivato al microfono con il sorriso e la felicità di un ragazzino: «Assen è un posto speciale per me perchè ci sono tantissime persone vicine, la pista è fantastica e non posso che essere felice sia per me che per la squadra, ma lo sono soprattutto perchè sono di nuovo in prima posizione dopo circa un anno con una gara bellissima. Bello, bello! Meglio di così non poteva andare!»

@OCTO PRAMAC

Danilo Petrucci conferma le sue buone sensazioni in sella alla GP17 conquistando il suo secondo podio stagionale, dopo una gara disputata quasi alla perfezione su un circuito che ha come caratteristica principale l’imprevedibilità. Il meteo ha giocato a favore del Gorilla, che si trova a suo agio in queste condizioni difficili ma Alex Rins non ha fatto lo stesso perchè a causa della mancata esposizione delle bandiere blu il Petrux ha perso qualche metro durante il doppiaggio dello spagnolo, pregiudicando inevitabilmente l’ultima staccata che a suo dire gli avrebbe consentito di fregare il dottore. Un podio per metà amaro per il Petrux che comunque conquista un risultato importantissimo per se e per Ducati.

Le parole del Petrux, un pò imbronciato ma comunque contento: «Ho programmato per tutta la gara gli ultimi tre giri, sentivo di essere molto veloce e che potevo giocarmela, infatti ero solo con Valentino in lotta per la vittoria. C’è stata un po di sfiga perchè all’ultima chicane dell’ultimo giro ho trovato Barbera che mi ha fatto perdere un po di terreno, e poi come se non bastasse all’ultimo giro proprio durante curve conclusive ho trovato Rins: non sono state esposte le bandiere blu e io ho perso perchè nonostante sia stato rallentato sono arrivato sul traguardo al fianco di Valentino (+0.067). Comunque sono contento e ringrazio la squadra, ma onestamente parlando potevo vincere. Siamo sempre in lotta con le regole e poi quando ci sono circostanze così importanti non espongono una bandiera blu».

@Honda ProRacing

Marc Marquez ha disputato la sua gara con il coltello tra i denti, in quanto sia la Yamaha che la Ducati oggi si sono dimostrate veramente forti, infatti il “Cabroncito” non ha condotto la testa della corsa neanche per un giro ma non si è certo risparmiato nei sorpassi per difendere la sua posizione. Dopo essere stato sorpassato da Petrucci e da Valentino si è trovato a battagliare con Crutchlow e Dovizioso durante le ultime tornate, quando la pista semi bagnata rendeva l’asfalto difficilmente interpretabile e alla fine il suo talento è venuto fuori consentendogli di agguantare l’ultima porta di accesso al podio.

Le parole di MarquezE’ stata una gara molto difficile, già prima dalla partenza sapevamo di avere delle difficoltà anche perchè le condizioni del tracciato cambiavano troppo in fretta e di conseguenza non avevo il feeling migliore sulla moto. Inoltre era estremamente difficile capire quando spingere o quando mantenere la calma, ho avuto qualche segnale d’allarme e mi sono detto che dovevo portare a casa il podio.  Alla fine sono molto contento di essere riuscito a conseguire il risultato che mi aspettavo, perchè se prima della partenza mi avessero detto che al termine della gara sarei stato a soli 11 punti dal leader di campionato non ci avrei creduto anche perchè è un circuito dove spesso abbiamo difficoltà, quindi è un ottimo podio anche in ottica campionato.»