MotoGP, Dani Pedrosa annuncia il suo ritiro

In conferenza stampa Dani Pedrosa ha annunciato il ritiro dalle corse dopo l’ultima gara della stagione a Valencia

Le voci di corridoio sul futuro di Daniel Pedrosa erano veritiere e fondate. Purtroppo Dani ha ufficialmente deciso di appendere il casco al chiodo. Lascia il motomondiale dopo 285 gare percorse da protagonista, con 54 vittorie e 153 podi, permettendogli di vincere un titolo nella 125 e due nella 250 in tre anni consecutivi, dal 2003 al 2005. Dai piani alti, hanno già fatto intendere che entrerà immediatamente nell’hall of fame. L’annata in corso è stata priva di soddisfazioni, nonostante le favorevoli previsioni della vigilia, visto che il pilota nativo di Sabadell era carico come non mai, allenandosi in maniera pragmatica e sentendosi pronto per il trionfo iridato che, salvo inaspettati miracoli divini, non arriverà mai per lui nella classe regina.

Ragion per cui, dopo un matrimonio lunghissimo, la Honda ha deciso di puntare su Jorge Lorenzo, dandogli il benservito. Il rider spagnolo si è ritirato proprio per il divorzio con la casa dell’ala dorata e non ha valutato altre proposte dei diversi team. Dal prossimo anno il mondiale perde un pilota veloce, elegante, puntiglioso, specialista nelle partenze a razzo e fenomenale nella conservazione dall’usura delle gomme. Con ogni probabilità, senza gli infortuni (si contano addirittura 16 fratture sul suo palmares), dovuti alla sua corporatura esile, Dani Pedrosa avrebbe coronato il suo sogno di diventare campione del mondo della MotoGP. Non avrebbe rubato nulla, anzi come la pensa Valentino Rossi, lo avrebbe assolutamente meritato.

Oltre a perdere un signor pilota, il motomondiale perderà un uomo speciale. Dani Pedrosa, è sempre stato diverso, un esempio di umiltà e correttezza, un esempio per tutti. Mai una polemica con i colleghi, mai una tensione con un componente del team, mai un gesto fuori luogo, mai una dichiarazione di ripicca, mai una manovra pericolosa in pista. Sembra poco ma in realtà è proprio la sua sensibilità e semplicità a renderlo un campione rispettato da chiunque.

Proprio per il suo essere genuino e sempre sorridente, il ritiro di Dani non ha fatto audience, anzi è passato inosservato. Stiamo parlando di una leggenda che per quasi quattro lustri ha corso ad altissimi livelli e nessun degno risalto? Forse Dani preferisce così, andarsene via sotto le luci dei riflettori, come una comparsa, non è mai stato l’idolo della folla d’altronde. Con il passare del tempo e delle gare ci accorgeremo tutti di quanto mancherà la sua presenza nel paddock, la sua anima pura, la sua lealtà. Ci sono pochi sportivi al mondo che sono entrati nella storia per le loro virtù e lui sarà uno di questa speciale categoria.

Ecco le dichiarazioni di Dani Pedrosa, come sempre elegante ed onesto anche nel momento peggiore per uno sportivo ad alti livelli: «Vi annuncio che dalla prossima stagione non correrò. La mia esperienza in MotoGP termina a fine anno. Questa è una decisione molto dura per me. Ci ho pensato tanto e non avendo buone opportunità davanti a me per vincere ho preso questa decisione. Non volevo chiudere la porta in faccia a nessuno. A Barcellona ho deciso di prendere un po’ di tempo per decidere con la mia famiglia e le sensazioni mi hanno spinto a prendere questa decisione. Avevo una buona opportunità sul tavolo, ma volevo essere onesto con me stesso».