MotoGP, emergenza Coronavirus, Dovizioso: «Dispiace molto ma è una scelta comprensibile»

Le decisioni legate all’emergenza Coronavirus hanno scatenato la reazione dei piloti: ecco quella di Andrea Dovizioso

L’emergenza Coronavirus ha, inevitabilmente, destabilizzato anche il mondo dello sport e, in modo particolare la MotoGP. I rinvii e gli annullamenti hanno fortemente snaturato un calendario che avrebbe dovuto vedere il suo inizio il prossimo weekend, invece, con molta probabilità anche se non troppa, fino al Gran Premio di Austin i piloti non potranno scendere in pista. A soffrirne di più, tra gli altri, in questo momento, sono i tanti italiani impegnati in questo settore, dai piloti ai team manager ai meccanici. Tra questi, uno dei più noti portacolori italiani, Andrea Dovizioso, ha espresso così tutto il suo rammarico: «Sono chiaramente molto deluso dalla cancellazione della tappa in Qatar e dal rinvio del GP in Thailandia».

La voglia e il desiderio di ricominciare erano grandi ma la straordinarietà della situazione ha imposto uno stop: «Non vedevamo l’ora di iniziare la stagione ma è una scelta comprensibile, dal momento che si tratta di una situazione delicata, quindi la decisione va rispettata. Un peccato per noi non poter correre in Qatar. Dopo il rinvio anche del Gran Premio in Thailandia, chissà quando disputeremo la prima gara della stagione 2020. Ci auguriamo presto».