MotoGP, Rossi annuncia il divorzio da Galbusera: al suo posto Munoz

valentino rossi
@imagephotoagency

Dalla prossima stagione, Silvano Galbusera non sarà più il capotecnico di Valentino Rossi: al suo posto arriverà il giovane David Muñoz

La prossima stagione sarà quella del riscatto o, quanto meno, quella del cambiamento per Valentino Rossi. Cambiamento che inizia con un annuncio importante da parte del nove volte Campione del Mondo: dal 2020, infatti, Silvano Galbusera non sarà più il suo capotecnico. Stando alle indiscrezioni riportate dal quotidiano sportivo spagnolo As, si tratta di una decisione avvenuta di comune accordo, maturata senza screzi e con rispetto reciproco: «Dopo Misano ho parlato con Silvano, volevamo provare a cambiare qualcosa per essere più forti. Lui vuole continuare a lavorare con la Yamaha, ma provando a fare qualcosa che gli rechi meno stress e che gli permetta di essere più tempo a casa».

Una scelta, quindi, che va incontro ai desideri di entrambi: quello di dare una svolta agli ultimi mesi di carriera per Valentino Rossi e quello di continuare a lavorare per la scuderia Yamaha, ma con incarichi meno stressanti per Galbusera. Un rapporto cominciato nel 2013, all’epoca della sostituzione di Jeremy Burgess, e terminato dopo sei anni intensi e, comunque, ricchi di soddisfazioni, anche se non di titoli. A fargli posto, sarà David Muñoz: «Galbusera potrà, così, andare a lavorare per i test e io avrò come capotecnico David Munoz, che con Bagnaia ha già vinto il Mondiale Moto2 nel 2018. Munoz non ha esperienza in MotoGP è vero, è molto giovane, ma ha belle idee, siamo tutti contenti di questa novità».