Connettiti con noi

MotoGP

MotoGP, i promossi e i bocciati del GP Algarve

Pubblicato

su

Vittoria meritata di Bagnaia in MotoGP nonostante la bandiera rossa. Bene anche Marquez, a suo agio a Portimao. Quartararo da rivedere

Non è stata proprio la gara che si aspettava Fabio Quartararo dopo essersi laureato campione del mondo due settimane fa a Misano: il francese ha chiuso anzitempo il GP Algarve stendendosi a curva 5 nel tentativo di tenere il passo delle due Pramac che lo precedevano. Pecco Bagnaia vince con la bandiera, rossa come la sua Ducati che è campione del mondo costruttori.

I promossi e i bocciati del GP Algarve

TOP 

Bagnaia – Caduta di Misano già dimenticata: forse sono i consigli di Stoner, forse è la voglia di dimostrare che il titolo l’avrebbe meritato anche lui, in fondo, ma in questo weekend Pecco è stato perfetto. Alla fine collezione pole, vittoria, giro veloce e conduce in testa tutta la gara, e questo crea grosse aspettative per il futuro di questo talento italiano.

Miller – Non molla fino alla fine, anche quando Marquez sembrava averne di più. Il carattere forte è quello che ha sempre permesso a Jack di andare oltre i suoi limiti ed è così anche stavolta. Il suo sorpasso è fondamentale per la conquista del titolo costruttori.

Marquez – Particolarmente a suo agio a Portimao, il più giovane dei fratelli Marquez non ci fa rimpiangere l’assenza di Marc: parte benissimo, trova un passo che gli sta comodo e guida pulito fino alla fine. Per un attimo è parso che potesse liberarsi di Miller, ma non aveva fatto i conti con l’australiano.

FLOP

Quartararo – Assolutamente sottotono la prima gara di Fabio da campione del mondo. Parte male, perde qualche posizione poi sembra essere in grado di recuperarle, ma alla fine per tenere il passo delle Pramac si stende e rovina il suo record: quest’anno è il primo zero. Fortunatamente a campionato già chiuso.

Lecuona – Un’entrata un po’ troppo aggressiva di quello che era stato per tutto il weekend il migliore dei piloti KTM chiude anzitempo il GP Algarve e manda Oliveira all’ospedale di Portimao. Per il portoghese per fortuna niente di rotto, ma il contatto si sarebbe potuto evitare.