MotoGP Le Mans, Viñales vince la gara dei colpi di scena

MOTOGP Le Mans gara
@YAMAHA

Maverick Viñales ha vinto a Le Mans dopo un duello con Valentino Rossi che è caduto a pochi metri dal traguardo, ottimo secondo posto di Zarco davanti a Pedrosa. Zero per Marquez scivolato a metà gara.

Durante il Gran Premio di Le Mans non sono mancati i colpi di scena in MotoGP con le pesanti cadute di Marc Marquez e Valentino Rossi che agevolano così la fuga in campionato di Maverick Viñales. Lo spagnolo della Yamaha ufficiale oggi non ha avuto vita facile infatti nonostante la buona partenza si è trovato fin da subito all’aperto spalle di Johann Zarco agevolato dalle soft ad anteriore e posteriore ma soprattutto dalla spinta del pubblico francese che lo voleva sul podio. Viñales è riuscito a passare il rookie dopo sette giri dalla partenza ma non è riuscito a scappare e il gruppo di testa, formato dalle tre moto della casa dei tre diapason è rimasto compatto. Alle loro spalle Marquez a fare da elastico: i primi piloti in griglia si sono studiati per molti giri fin quando anche Cal Crutchlow, Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso non gli hanno recuperato metri, in realtà il gruppo non si è mai davvero compattato ma il Campione del Mondo in carica ha subito forse la pressione data dal rientro del compagno di team ed è caduto alla curva 3 dopo 18 giri.

Il pilota Honda è tornato ai box sconsolato con uno zero sulle spalle che pesa molto in ottica Mondiale. I tre della Yamaha intanto hanno continuato a spingere e a pochi giri dalla conclusione Rossi ha cambiato marcia inanellando giri veloci e mostrando tutta la grinta che forse nelle prime gare era rimasta celata, in breve tempo ha infilato Zarco e recuperato il gap da Viñales; a due giri e mezzo dalla fine della gara il pilota di Tavullia ha fatto uno straordinario sorpasso ai danni del compagno di team facendo alzare il pubblico francese assiepato sugli spalti.

I due hanno continuato a girare vicini e Viñales all’ultimo giro ha sfruttato un piccolo largo di Rossi per riprendersi la testa della gara, da quel momento l’italiano ha cercato in ogni modo di inventarsi un sorpasso ma è finito a terra alla 11 chiudendo con uno zero la sua rincorsa alla vittoria. Quello che ne viene fuori è un Rossi sconsolato, amareggiato e deluso ma anche in grado di lottare per vincere, che ha mostrato oggi tutta la grinta di un fuoriclasse di 38 anni che può ancora dare tanto al mondo delle due ruote. La sua caduta ha lasciato campo libero a Zarco che si è preso il secondo gradino del podio davanti a Pedrosa: un riconoscimento meritato pe e il rookie del team Tech3 chesta diventando un vero protagonista della MotoGP.

Lo zero di Marquez e quello di Rossi come contrappeso ai 25 punti di Viñales ci consegnano una classifica molto diversa che vede il pilota spagnolo della Yamaha in prima posizione ma nello stesso tempo fa capire che i piloti in lotta per il titolo sono agguerriti e non hanno intenzione di risparmiarsi. Adesso i conti si faranno tra 2 settimane al Mugello davanti al pubblico italiano che spera di godersi una bagarre accesa tra le colline toscane.