MotoGP, dal 2020 meno test in calendario: ecco le novità

La Gp Commission, venendo incontro alle richieste di team e piloti, ha scelto di ridurre il numero di test pre-stagionali: addio a quelli post Valencia e a quelli pre Qatar

Dal 2020 in MotoGP ci saranno importanti novità: ad annunciarlo è stato la stessa Grand Prix Commission, composta da Carmelo Ezpeleta (CEO di Dorna), Paul Duparc (FIM), Hervé Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), riunitasi lo scorso 7 ottobre. Nell’andare incontro alle richieste di team e piloti, la Commissione ha deliberato la riduzione del numero di test, a vantaggio di un incremento del numero di Gran Premi, che passera’ a venti gare con la new-entry della Finlandia, con la possibilità di un ulteriore allargamento in futuro.

Saranno cancellati, dunque, i test che seguono il GP di Valencia 2020 e di quelli che precedono il GP del Qatar nel 2021, opzione incorporata nel regolamento a partire dalla stagione 2020 che inizierà ufficialmente il giorno dopo il prossimo Gran Premio Motul de la Comunitat Valenciana. In assenza dell’impossibilità di conoscere ancora il calendario 2021, «potrebbero esserci tre giorni di test pre-stagionali a Lombok, se l’Indonesia entrerà a far parte del calendario nel 2021, altre due giornate di test che si svolgeranno il giorno dopo due diversi Gran Premi e, infine, un altro test di due giorni si svolgerà su un’altra pista, probabilmente sarà quella di Misano».