MotoGP, Petrucci celebra Dovizioso: «Nessuno ha fatto quello che lui ha fatto per me»

Il pilota ternano della Ducati, Danilo Petrucci, ha parlato dello stretto rapporto che lo lega al compagno Dovizioso e dei suoi obiettivi personali

Alla prima giornata del Festival dello Sport a Trento, hanno “sfilato in passerella” ospiti di calibro internazionale ed eccellenze dello sport italiano, come Federica Pellegrini e la coppia tutta azzurra della Ducati formata da Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Rimasto per buona parte della stagione in terza posizione nella classifica piloti, e ancora in lotta per l’ultimo posto del podio insieme ad Alex Rins e Maverick Vinales, Danilo Petrucci ha fatto un bilancio della sua prima stagione alla Ducati, nonostante questa non sia ancora finita. Anche per il ternano, risulta complicato trovare un modo per contrastare lo strapotere di Marquez: «Difficile capire come si può battere. Ora come ora è battibile in alcune singole gare mentre non lo è su un campionato intero».

Ma una dedica, e una lode, speciale va al suo compagno di squadra, Andrea Dovizioso, che lo ha accompagnato e sostenuto in questo primo anno in sella alla Rossa: «Nessun altro pilota che si sta giocando il titolo ha mai fatto quello che Andrea ha fatto per me. Avere la possibilità di allenarsi insieme e di lavorare con lui mi ha permesso di imparare tantissimo». Un atto di stima e riconoscenza che va oltre il semplice rapporto di lavoro. E poi, infine, sull’obiettivo di questa stagione: «Mi piacerebbe finire tra i primi tre al primo anno con la moto ufficiale: ho già vinto al Mugello e ottenuto dei podi ma arrivare terzi sarebbe magnifico, ma la concorrenza è forte. Proverò a dare tutto me stesso per prendere questa medaglia»