MotoGP, Rins ci crede: «Il terzo posto non è utopia»

A Spielberg, Alex Rins è rimasto ancora una volta fuori dal podio, ma ha recuperato qualche punto a Danilo Petrucci

Nonostante i presupposti pre Spielberg fossero decisamente più rosei, almeno nelle dichiarazioni, il Red Bull Ring non ha regalato troppe soddisfazioni ad Alex Rins, ma è stato comunque raccolto un bottino migliore delle ultime uscite. Il sesto posto conquistato in Austria lo tiene, per l’ennesima volta, giù dal podio ma, quanto meno, permette allo spagnolo di rosicchiare qualche punto (ora è a quota 114 punti) al suo più diretto contendente, Danilo Petrucci, insediatosi ormai al terzo posto alle spalle di Dovizioso, a quota 129 punti. Dopo l’inizio esaltante, tale da proiettarlo ai vertici della classifica dietro a Marquez, Rins si è spento gradatamente, creando un baratro con il connazionale.

L’obiettivo dichiarato ora è la terza posizione, come ammesso dallo stesso pilota catalano: «Il terzo posto è ancora possibile: se faremo buone gare, riusciremo a conquistarlo. Abbiamo ridotto il margine da Danilo Petrucci e questo è già positivo. La cosa negativa è che Dovizioso si è allontanato ulteriormente». E sulla gara del Red Bull Ring: «Era una gara difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Forse si poteva migliorare la sesta posizione ma io ho dato il massimo, ho sofferto abbastanza soprattutto nei primi giri ed a metà gara. Facevo fatica a provare a sorpassare Vinales».