MotoGP, Domenicali su Vinales-Ducati: «Meglio non fare nomi»

Claudio Domenicali smorza gli entusiasmi circa un possibile accordo Vinales-Ducati per il 2021: meglio non avanzare nomi per ora

Sebbene non si tratti di un affare destinato a concretizzarsi nell’immediato, cioè nella prossima stagione, dove le “caselle” delle scuderie sono praticamente al completo, in questi giorni (anche se il corteggiamento ha origini ben più si sta parlando, sempre più insistentemente, dell’affare Maverick VinalesDucati. L’ipotesi suggestiva starebbe allettando e non poco i dirigenti della scuderia di Borgo Panicale che vorrebbero affiancare ad Andrea Dovizioso un altro pilota di punta. Le indiscrezioni e i rumors parlano già di un possibile accordo destinato ad arrivare entro la metà del 2020, ma a smorzare facili entusiasmi ci ha pensato Claudio Domenicali.

Vista la crescita esponenziale di Yamaha e Suzuki, unita alla conferma di Honda, la Ducati ha come obiettivo quello di mantenere alta l’asticella, sia dal punto di vista degli investimenti ingegneristici, sia dal punto di vista tecnico, dal momento che i progressi non sempre sono stati accompagnati da una costanza di risultati in pista. Quel che è certo è che la scuderia di Borgo Panicale può contare su uno dei laboratori di ricerca più all’avanguardia dell’intero panorama MotoGP. Ora servono i risultati ed è per questo che i vertici della scuderia si stanno guardando intorno, lavorando però sotto traccia: «Tutte le squadre stanno parlando e molte sono già in movimento. Ci sono diverse considerazioni da fare, ma non credo sia il momento di fare dei nomi».