MXGP, Tony Cairoli: «Decimo titolo? Punto già all’undicesimo»

Cairoli festeggia la conquista del suo nono titolo iridato (© KTM Press)

Insaziabile Antonio Cairoli: per la stagione 2018 punta a pareggiare i conti con il recordman Stefan Everts, ma guarda già avanti con l’obiettivo di diventare a tutti gli effetti il più grande di sempre…

Quattordici stagioni disputate nel Mondiale Motocross tra MXGP/MX1 ed MX2, nove titoli iridati. Questo il ruolino di marcia di Antonio Cairoli, leggenda della specialità che non si pone più limiti per il futuro. Tornato sul trono della specialità con il 9° alloro conseguito lo scorso anno, il Tony-nazionale ha ancora fame di successi con una missione: riscrivere tutti i record delle ruote artigliate.

«Come primo obiettivo sì, c’è il decimo titolo, ma punto già all’undicesimo!», ha ammesso TC222, premiato dal CONI con il Collare d’Oro al Merito Sportivo. «Dieci titoli li ha vinti già Stefan Everts, pertanto voglio arrivare a quota 11. Adesso siamo lì vicino: vero, l’età avanza come si suol dire, ma come sempre noi cerchiamo di essere giovani dentro e… dare gas!»

Con 83 GP vinti su 217 disputati (e 145 podi), Cairoli si presenterà con i favori del pronostico al via della stagione 2018 che scatterà il 4 marzo prossimo con il Gran Premio della Patagonia a Neuquen (Argentina). I rivali dell’ultimo triennio, da Tim Gajser a Romain Febvre passando per Jeffrey Herlings, faranno di tutto per ostacolare i propositi ambiziosi dell’orgoglio italiano del Motocross, nuovamente ai cancelletti di partenza con la KTM ufficialmente schierata dal team di Claudio De Carli.

Aspettando l’inizio di stagione per Tony Cairoli qualche settimana di relax, preludio della ripresa degli allenamenti per conservare la tabella rossa sin dal primo Gran Premio stagionale.