Ducati aggiorna tutte le Panigale 1299 con il DTC EVO – VIDEO

DUCATI
@DUCATI

Ducati rilascia un importante upgrade per i possessori di Panigale 1299 prodotte tra il 2015 e il 2016. Una versione aggiornata del DTC: il controllo di trazione

Quando sono in gioco potenze che sfiorano e spesso superano i 200 cv, c’è da andarci molto cauti. Nel caso della Ducati Panigale 1299, l’esplosività del bicilindrico made in Borgo Panigale è messa a bada da un controllo di trazione avanzatissimo. Eppure lo sviluppo, soprattutto in ambito elettronico, non ha assolutamente sosta e Ducati ha portato gli standard di sicurezza e prestazioni ad uno step successivo, attraverso il DTC Eco. La novità, è che questa evoluzione del sistema Ducati, sarà adesso disponibile come upgrade anche per tutti i modelli di Panigale 1299 prodotti tra il 2015 e il 2016. Il Ducati Traction Control sfrutta in questa sua ultima incarnazione, tutte le conoscenze accumulate in pista sulla Panigale di Davies e Melandri e sulle Desmosedici schierate in MotoGP.

Il rapporto tra prodotto e reparto Corse di Ducati è infatti il frutto del preciso DNA di Ducati, che da sempre porta sulle moto di produzione il know-how accumulato in ambito Racing. Questa versione del DTC Evo è già presente sulla Panigale S Anniversario e su tutta la gamma Panigale 1299 model year 2017. Questa versione giova di un miglioramento dell’algoritmo che regola gli interventi da parte della centralina, al fine di massimizzare la performance senza mai sacrificare la sicurezza. Una evoluzione del software che permette al sistema di restare attorno a quella che Ducati definisce “linea ideale” di intervento, ovvero il punto esatto che sta tra la perdita eccessiva di grip della gomma posteriore ed un’accelerazione perfetta.

Grande novità del sistema è la funzionalità “Spin on Demand”, che consente ai piloti più esperti di ottenere nei livelli 1 e 2 del sistema, una perdita di aderenza del posteriore “controllata”, al fine di chiudere la traiettoria facendo perno sull’anteriore. Un sistema che richiama tantissimo quello utilizzato in SBK da Davies e Melandri.