Tutti contro Iannone: la sua risposta a Schwantz e le pesanti accuse del web

@Suzuki

Andrea Iannone ha risposto alle dure accuse di Kevin Schwantz ma dopo la caduta al Sachsenring anche il web si è scagliato contro il pilota della Suzuki

Andrea Iannone ha risposto alle accuse del campione Kevin Schwantz, che ha dichiarato che le prestazioni deludenti della Suzuki in MotoGP in questa stagione sono una responsabilità dell’italiano. Il pilota di Vasto, che anche oggi ha portato a casa uno zero a seguito di una caduta al Sachsenring, ha commentato inizialmente la gara in Germania: «E’ stato un peccato essere partito dalla sedicesima posizione. Dopo i primi giri, quando ho fatto un po’ di fatica, ho avuto un buon passo, sul ritmo dei migliori, confermando le sensazioni che ho avuto sabato. Guidavo bene, con fiducia, e spingevo di più. E’ un buon passo in avanti e sono felice per questo. Dobbiamo comunque migliorare altri aspetti, come la costanza della gomma e la gestione della prima parte di gara dove fatichiamo con gomma nuova. Io non mi arrendo e sono certo che anche la Suzuki lavorerà sodo per migliorare».

Iannone ha poi dichiarato essere rimasto deluso dalle parole di Schwantz: «Per la seconda parte di stagione mi aspetto un miglioramento importante. Cercherò di arrivare al meglio a Brno e sono sicuro che anche Suzuki cercherà di ripartire con una moto più competitiva. Non so cosa dire di Kevin. L’ho sempre stimato sia come persona che come pilota. Mi spiace per quello che ha detto, avrei preferito che queste cose me le avesse dette in faccia dato che lavoriamo per la stessa azienda. Accetto le sue critiche, penserò a rispondere con i fatti in pista».

Dopo la caduta però anche il web si è scatenato contro il pilota della Suzuki accusato di preoccuparsi più della sua storia d’amore con Belen Rodriguez che delle sue prestazioni in pista.

LEGGI ANCHE: Andrea Iannone campione d’ironia: «Domani corro sui Kart!»