Vendita Ducati, spunta l’interesse di un nuovo gruppo italiano

ducati

Continua la girandola di nomi attorno alla potenziale vendita di Ducati, che secondo Reuters interessa anche un nome pesantissimo del panorama italiano

La vendita di Ducati continua a tenere banco, con nomi che continuano a susseguirsi nel ruolo di eventuali compratori dell’azienda. L’ultima indiscrezione è quella lanciata stamattina da Reuters, che ipotizza un interessamento molto concreto del gruppo italiano Benetton. Un’operazione che ricorda molto da vicino quello effettuato dai fondi di investimento come TPG, che hanno già fatto parte della storia di Ducati ed hanno sempre permesso all’azienda di crescere. Nelle ultime settimane si è passato dalle voci che riguardando Harley Davidson a quelle più recenti che vorrebbero anche KTM interessata a mettere le mani su Ducati.

Reuters avrebbe anche fissato il pezzo dell’offerta Benetton sul tavolo, che si attesterebbe a 1,2 miliardi di euro, ovvero circa il 25% in meno dell’ipotetico prezzo richiesto, che dovrebbe aggirarsi attorno a 1,5 miliardi. Se questa proposta fosse confermata, si potrebbe trattare della prima concreta offerta di un gruppo italiano per l’acquisto di Ducati. Ricordiamo che la vendita è figlia dell’esigenza di Volskwagen di monetizzare a fronte dello scandalo Dieselgate, che rappresenta una perdita secca per il gruppo tedesco quantificabile in diversi miliardi di euro. Un’eventuale vendita del brand Ducati, potrebbe costituire una boccata d’ossigeno, se il CDA del gruppo non dovesse ritenere strategico per il futuro continuare a mantenere la proprietà della Casa italiana. La vendita dovrà poi passare al vaglio dei sindacati del gruppo tedesco, che hanno una vasta rappresentanza negli organi di gestione del gruppo. Qualsiasi accordo raggiunto, dovrebbe come punto cardine garantire la continuità della produzione e dell’occupazione.