Rossi e Marquez hanno parlato anche di Sepang 2015

CONFERENZA SEPANG
@MOTOGP.COM

La conferenza stampa di Sepang si è svolta con Marc Marquez e Valentino Rossi seduti uno di fianco all’altro. Per fortuna, entrambi hanno confermato che le cose sono cambiate

La MotoGP si prepara ad affrontare l’ultimo Gran Premio in terra asiatica per poi tornare in Europa per la fine del Mondiale 2016. Il titolo piloti è già stato assegnato ma la gara di Sepang si preannuncia imperdibile visto che tutti arrivano con qualcosa da dimostrare e soprattutto su un tracciato importante che quest’anno è cambiato per quanto riguarda l’asfalto e la pendenza della curva 15. La modifica è stata apportata per migliorare la sicurezza dei piloti in quanto rallentando l’uscita si arriva più piano alla curva 1 che non ha una via di fuga molto ampia e in questo modo sarà più gestibile per le moto.

Circuito diverso quindi e grip come grande incognita del weekend ma con le Michelin in questa stagione siamo abituati alle domande sulle prestazioni delle gomme in pista, intanto accontentiamoci di avere tempo caldo e sereno per adesso e vediamo cosa hanno detto i piloti in Conferenza Stampa a Sepang. In sala stampa erano presenti Marc Marquez, Valentino Rossi, Maverick Viñales, Cal Crutchlow, Andrea Dovizioso e finalmente Andrea Iannone che torna in pista dopo aver saltato 4 Gran Premi a causa dell’infortunio subito durante le prove libere a Misano.

Marquez ha aperto i giochi parlando del suo primo zero della stagione “Quello di Phillip Island è stato un weekend difficile però in gara mi sentivo forte, purtroppo ho fatto un errore e sono caduto ma il campionato è già concluso quindi è normale spingere un po’ di più, prendersi rischi maggiori” ha esordito con il consueto sorriso il pilota della Honda che ha anche affermato che qui a Sepang farà lo stesso, puntando almeno a salire sul podio.

rossi-marquez

Dopo è stato il turno di Valentino Rossi, tornato sul podio proprio in Australia dopo una rimonta quasi perfetta e che vede sempre più vicina la conquista del secondo posto in classifica ai danni del suo compagno di team Jorge Lorenzo che al contrario sta vivendo un periodo complicato. “A Phillip Island mi sono divertito come ogni anno ma domenica è stato davvero bello perché ero veloce e ho guidato bene anche se nella seconda parte della gara non sono stato abbastanza forte. Adesso ci concentreremo su Sepang che è una pista che mi piace anche se c’è un punto interrogativo visto che l’asfalto è diverso. Speriamo che il tempo sia bello così da avere più tempo per trovare l’assetto giusto”. Rossi ha anche parlato del prossimo anno, affermando che per Yamaha sarà importante lavorare già da dopo Valencia per fare quei passi avanti che non sono arrivati durante questa stagione, dove le altre Case sono migliorate in maniera più visibile.

C’è stato anche un momento di tensione quando ai due piloti è stato ricordato l’incidente dello scorso anno proprio a Sepang “I rapporti da quel momento sono cambiati, poi sono migliorarti e adesso abbiamo una relazione normale tra due professionisti ma i pensieri e le idee non sono cambiate” ha spiegato Marquez mentre Rossi ha chiuso l’argomento con un sintetico “Sono d’accordo con Marc”.

In Conferenza ha parlato poi Maverick Viñales reduce dal terzo posto a Phillip Island ed in procinto di lasciare la Suzuki per salire sulla Yamaha “Le qualifiche in Australia sono state un disastro, qui speriamo di fare meglio perché vogliamo essere sul podio nelle ultime due gare: Sepang è un tracciato dove di solito sono veloce anche se lo scorso anno avevamo poca potenza e sul dritto perdevamo molto ma questa stagione è diversa. Certo non è semplice dopo due gare impegnative sia fisicamente che per la moto ma lavoreremo per essere al 100%”.

Dopo lo spagnolo è stato il momento di Cal Cruthclow, vincitore del Gran Premio di Phillip Island, che sta vivendo un periodo positivo e soprattutto costante dopo gli alti e bassi del passato: “Ho girato qui a Sepang durante i test ma c’erano condizioni pessime anche perché eravamo solo in tre a girare e l’aderenza era poca. Sono stati test poco rivelatori ma sull’asciutto dovrebbe andar bene anche se con la nuova pendenza la curva è strana, l’abbiamo vista anche in F1. Non pensò fosse necessaria ma creerà più suspence per tutti” ha dichiarato il pilota inglese che in seguito ha parlato anche della sua moto e del rapporto con Honda “Non so cosa farà Honda il prossimo anno, noi siamo soddisfatti di ciò che abbiamo dal punto di vista tecnico e non credo spetti a me chiedere o prendere decisioni di questo tipo. La moto è in ottime condizioni, non ci manca nulla e credo che anche la velocità sia la stessa di Marc. Certo il merito è anche nostro perché abbiamo fatto un ottimo lavoro nella seconda parte della stagione” ha concluso Crutchlow che dopo la nascita della piccola Willow appare decisamente più sereno e rilassato.

Infine è stato il turno dei due piloti della Ducati. “Arrivare qui dopo due settimane di gare non è semplice ma correre a Sepang è bello perché possiamo usare tutta la potenza della MotoGP di sicuro l’aderenza farà la differenza perché in passato la mancanza di grip è stata un problema” ha commentato Dovizioso. “Sono abbastanza soddisfatto delle ultime gare, da Aragon abbiamo fatto un passo avanti e anche stavolta il podio è il nostro obiettivo perché siamo più competitivi anche se vincere è sempre complicato” il pilota della Rossa di Borgo Panigale ha anche fatto un mea culpa durante la Conferenza “Vincere è sempre difficile, abbiamo avuto due possibilità in Austria con Iannone dove io ho sbagliato scelta di gomma e sul bagnato in Olanda dove siamo caduti ma la moto è migliorata negli ultimi due anni purtroppo non siamo ancora riusciti a vincere ma tutto può succedere, evidentemente manca qualcosa nella moto e anche in me ma credo di non essere troppo lontano”.

ANDRA IANNONE MISANO
@MOTOGP.COM

Andrea Iannone invece com’era prevedibile si è soffermato più sul periodo di stop che gli ha fatto perdere 4 Gran Premi e che anche per Sepang non gli renderà la vita facileSono felice di essere tornato: per un pilota correre è la cosa più importante e stare a casa non è stato facile. Fisicamente sto meglio anche se non solo al 100%. Ho parlato molto con i medici ma volevo esserci e e farò il possibile con la mia squadra in questa ultime due gare. So che Sepang è difficile ed impegnativa ma spero di fare passi avanti nel weekend e ottenere un buon risultato; soprattutto sono curioso di capire come sarà tornare in sella”.

Questo è quello che si è detto in conferenza stampa ma, come sempre, i giochi iniziano domani, quando i piloti scenderanno in pista per le prove libere.