La Mission Impossible di Tony Cairoli

Dopo la tappa in Lettonia il mondiale MXGP prende una pausa prima della Repubblica Ceca. La lotta per il titolo di Tony Cairoli è ancora aperta

Il mondiale di motocross si prende una settimana di pausa: ci saranno dunque 15 giorni per Tony Cairoli per riuscire a rimediare a questa frattura che non vuole saldarsi in tempi straordinari. Il rider siciliano, a caccia del nono titolo mondiale, ci ha fornito l’ennesima incredibile prova eroica in Lettonia.

Sono da tantissimi anni nel settore della comunicazione e che ho la tessera di giornalista e mi chiedo per quale motivo nessuno dei miei colleghi delle televisioni o dei giornali sportivi si è accorto di questa incredibile impresa di un pilota e talento italiano, un orgoglio del nostro sport, che sta facendo l’ennesima stagione leggendaria, quest’anno veramente più incredibile di tutte.

Una stagione caratterizzata da episodi che la rendono veramente unica e fantastica: dal terribile incidente e la caduta in casa, poi la ripresa immediata e le gare nonostante la frattura, il confronto con i più grandi di sempre, come Villopoto che poi ha gettato la spugna e ha deciso di ritirarsi. Desalle e Nagl, anche loro infortunati che si sono dovuti arrendere. Non molla invece Tony Cairoli. E’ una storia di vita e di sport meravigliosa.

Assisto invece a trasmissioni tutte uguali in tv, di calciomercato. Calciomercato dappertutto! Non capisco perché le tv si copiano tra di loro in un periodo in cui non c’è il calcio, spendono centinaia di migliaia di euro per fare collegamenti dal bar vicino a casa del calciatore o davanti a dove si allenano d’ estate le squadre.

Perché nessuno parla di questa impresa epica del nostro rider? Perché tralasciare una cosa così emozionante e così bella come questa galoppata difficilissima e impossibile? E’ davvero una Mission Impossible per il nostro Tony Cairoli.

2 Commenti