MotoGP, Ciabatti sul rinnovo di Dovizioso: «Riconosceremo ad Andrea quello che merita»

Dovizioso

Il direttore sportivo della Ducati riconosce il grande merito di Dovizioso a Losail, preannunciando un rinnovo a cifre più consone per il suo talento

Si è parlato molto questo inverno della clamorosa differenza dell’ammontare del contratto di Dovizioso paragonato a quello del compagno Lorenzo, assolutamente inversamente proporzionale alle prestazioni fornite in pista. A fine stagione, entrambi i contratti scadranno e di conseguenza, la casa di Borgo Panigale dovrà equilibrare le cifre, visto che in questa annata Jorge Lorenzo sta guadagnando quello che il buon Andrea ricaverebbe in otto anni. Attualmente, secondo le indiscrezioni degli addetti al lavoro, pare che la casa della Desmosedici voglia rinnovare entrambi i contratti degli alfieri, decurtando quello del maiorchino, per compensare al meritato aumento della busta paga nell’accordo con il forlivese.

In un’intervista rilasciata a Radio 24, Paolo Ciabatti ha ammesso sul rinnovo di Dovizioso: «Sapremo riconoscere ad Andrea quello che merita». Successivamente, ha aggiunto sulla sua prestazione in Qatar: «Andrea è stato freddissimo. Avere dietro Marquez, che è capace di realizzare prestazioni miracolose, è sempre un problema. Avete visto anche il sorpasso su Zarco, è riuscito ad arrivare in fondo al rettilineo, e non si capisce ancora come abbia fatto a chiudere la curva e rimanere in piedi. Però lui è fatto così, e quindi dà ancora maggior risalto alla vittoria di Andrea, che è stato lucidissimo».

Inoltre, ha anche avuto parole al miele per Lorenzo: «Per ora Jorge non è riuscito ad esprimersi al 100% ed è stato particolarmente sfortunato in gara. E’ rimasto senza freni, quindi la caduta, ovviamente, non è frutto di un suo errore. Nonostante fosse partito malamente, stava girando con dei tempi buoni, quindi credo che sarebbe potuto arrivare a ridosso della top five. Che non è la posizione che si aspettava lui, ma intanto erano punti importanti anche per il suo campionato».