SBK Jerez, il campione Jonathan Rea domina nonostante una caduta

Jonathan Rea Magny-Cours
@Kawasaki

Prime prove libere per la Superbike sul tracciato di Jerez de la Frontera e la firma è come sempre di Jonathan Rea

Smaltita la sbornia per la festa del terzo titolo consecutivo di Jonathan Rea, la Superbike ritorna in Spagna per affrontare il round numero 12 della stagione 2017, ultimo round europeo prima della chiusura in Qatar ad inizio novembre. Il Cannibale vuole mettere in chiaro da subito le cose firmando il venerdì di Jerez nonostante una caduta ad inizio turno del pomeriggio. Le prime prove libere del round spagnolo ci dicono che Jonathan Rea è stato il migliore della giornata firmando il miglior tempo sia nel turno della mattina che in quello del pomeriggio, nonostante una caduta alla curva 8 nelle fasi iniziali delle FP2 che ha costretto i suoi meccanici ad un lavoro extra per rimandare in pista il tre volte campione del mondo peraltro non riuscendo a migliorare il suo 1’40″291 fatto segnare la mattina.

Al secondo posto troviamo Tom Sykes che ha siglato il suo best lap nelle FP2 con 1’40″888. Tom si è sempre trovato a suo agio sulla pista andalusa ed il secondo posto di oggi ne dimostra il feeling dopo le difficoltà riscontrate in Francia al rientro dall’infortunio di Portimao. Buona prova delle Yamaha ufficiali di Van Der Mark, terzo, e di Lowes, quarto rispettivamente con 1’40″890 per l’olandese (FP2) e 1’40″891 per l’inglese (FP1).

La prima Ducati in classifica è quella di Melandri che si classifica al quinto posto nel combinato dei tempi con 1’40″893 fatto segnare nel turno della mattina. Dopo Melandri ci sono le due Aprilia Milwaukee di Laverty e Savadori davanti alle Kawasaki di Roman Ramos, fresco di rinnovo per il 2018 e 6° in classifica nelle FP1, e Sylvain Guintoli al rientro in Superbike con il team Puccetti. Il francese si è trovato subito a suo agio con la verdona stampando un promettente tempo di 1’41″194 che lo manda direttamente in SP2. Chiude la top 10 la Ducati ufficiale di Chaz Davies, anche lui vittima di una caduta alla curva 13 nei minuti iniziali della FP2 ma che poi non è riuscito a ripartire concludendo il turno in P10, ultimo dei qualificati alla SP2 di domani mattina.

Dovranno passare dalla SP1 invece Camier, 11°, Mercado, Torres, De Rosa, Fores, Andreozzi, Giugliano, Russo, Jezek, Takahashi, che ritorna dopo aver saltato il round francese, Badovini e Schmitter, cavallo di ritorno in Superbike che porta al debutto la nuovissima Suzuki GSX-R1000.

Qualificati direttamente alla SP2: Rea, Sykes, Van Der Mark, Lowes, Melandri, Laverty, Savadori, Ramos, Guintoli e Davies.

Il programma di domani dello Spanish Round prevede: alle 8.30 le FP3, alle 10.30 la SP1 dalla quale usciranno gli ultimi due slot per la SP2, alle 10.55 la SP2 che decreterà il poleman della gara ed alle 13 gara-1