Storia del GP Germania Superbike: da Hockenheim al Lausitzring

SBK Lausitzring

La SBK ha una buona tradizione in Germania, avendo corso sulla maggior parte dei circuiti tedeschi da quando è stato istituito il mondiale di categoria nel 1988. Questo week end il circus sbarca al Lausitzring, dopo una lunga assenza dal tracciato tedesco

Dopo quasi tre mesi di pausa, complice un calendario che più bislacco non si può, la Superbike riparte questo weekend dal tracciato del Lausitzring in Germania per il rush finale di una stagione fin qui ancora nelle mani della Kawasaki. Gara di casa per BMW che ha nei team Althea e Milwaukee le sue armi per questo Mondiale Superbike. Gara di casa anche per Markus Reiterberger che ha tanta voglia di rimettersi alla guida della sua S1000RR dopo averla ceduta a Raffaele De Rosa per il round di Laguna Seca, dopo lo stop causato dal brutto volo di Misano.

Se il Gran Premio di Germania per quanto riguarda il Motomondiale è nato quasi insieme alla nascita del mondiale stesso, bisogna aspettare fino al 1988 per trovare il primo Gran Premio di Germania Superbike, coinciso con la nascita del mondiale delle derivate di serie. Per la precisione ad Hockenheim, l’8 maggio del 1988. Gran Premio di Germania, terzo round su 9 della stagione di esordio del Mondiale delle derivate di serie. In quel primo GP di Germania, la pole va al francese Alex Vieira mentre a vincere le due gare è Davide Tardozzi con la Bimota che dopo quel round diventa leader del campionato. Una leadership che perderà in Francia cedendola al grande Fabrizio Pirovano.

Sono 12 le edizioni del Gran Premio di Germania disputate sul mitico e velocissimo tracciato dell’Hockenheimring (dal 1988 al 1997 e poi il biennio 1999-2000), teatro di uno dei più bei sorpassi della storia del Mondiale Superbike datato 2000 durante l’ultimo giro di gara-2. Noriyuki Haga, in sella alla Yamaha R7, fece una cosa incredibile passando Colin Edwards all’esterno in un punto impossibile, la curva Sachs, prima dell’ingresso del Motodrom, e tagliando il traguardo davanti a Colin. Una vittoria fantastica ottenuta con una moto inferiore rispetto a Ducati ed Honda ma che Noriyuki Haga sapeva guidare in un modo incredibile.

 

Nel biennio 1998-1999 il Gran Premio di Germania si sposta su un altro mitico tracciato, il Nurburgring, già teatro dei Gran Premi di Formula 1 in coppia con lo stesso Hockenheim. Nel 1998 il GP di Germania era il quinto di 12 round previsti nel calendario di quella stagione ed i risultati furono: pole di Corser, vittoria in gara-1 del grande Aaron Slight e gara-2 a Pierfrancesco Chili. L’anno successivo, la Germania può vantarsi di aver ben due gare in calendario: Nurburgring, sesto di 13 round, ed Hockenheim, penultimo round della stagione. I risultati di quell’edizione ci parlano di un dominio quasi netto di Carl Fogarty che si porta a casa pole e gara-1 lasciando gara-2 a Troy Corser. Gara-1 rimarrà negli annali per l’alto numero di cadute dovute ad una macchia d’olio in curva 1. Vittime illustri Haga, Chili, Yanagawa ed Edwards, che reagì regalando un dito medio da manuale alle telecamere di mezzo mondo. Sono 8 le edizioni del GP di Germania disputate sul tracciato del Nurburgring che dopo il biennio 1998-1999 ritorna in calendario nel 2008 per restarci fino al 2013.

Dal 2000 al 2004 il GP di Germania si sposta sul tracciato di Oschersleben, situato non lontano da Magdeburgo. Sono soltanto 5 le edizioni della gara disputate su questo tracciato, la prima nel 2000. Anche nel 2000 la Germania può vantarsi di avere due gare in calendario, Hockenheim ed Oschersleben ma quella che più ci interessa è quest’ultima, penultimo round della stagione e totalmente dominato da Colin Edwards con pole e doppietta prima di centrare il titolo mondiale.

L’ultima edizione disputata ad Oschersleben risale al 2004, quinto round di 11 previsti quella stagione. Nei risultati di quella gara compaiono un australiano, un giapponese ed un francese e non è una barzelletta. I piloti in questione sono Troy Corser, poleman, Noriyuki Haga, vincitore di gara-1 e Regis Laconi, vincitore di gara-2.

Last but not least arriviamo al tracciato che ritorna in calendario proprio in questa stagione, l’Eurospeedway Lausitz o semplicemente Lausitzring. Costruito ed inaugurato nel 2000, il tracciato del Lausitzring entra in calendario già nel 2001 insieme al tracciato di Oschersleben per un’altra doppietta tedesca nel Mondiale Superbike. Lausitzring nel 2001 è il settimo di 13 round previsti nel calendario 2001 e vede questi risultati: pole di Neil Hodgson, gara-1 ad Edwards e gara-2 a Bayliss.

Dopo quella del 2001 ne succedono altre 4, l’ultima nel 2007. Nel 2007 Lausitzring è l’11° di 13 round previsti in quella stagione, stagione conclusa con il secondo titolo in carriera per Toseland. Il weekend del 9 settembre 2007 vede questi risultati: pole di Fonsi Nieto, gara-1 ad Haga e gara-2 a Bayliss.

Come si può ben vedere sono 4 i tracciati in terra tedesca ad aver ospitato il Gran Premio di Germania: Hockenheim, Nurburgring, Oschersleben e Lausitzring, ognuno con un suo fascino e con storie di grandi gare. Chissà cosa ci regalerà questo round con la Superbike che torna in terra tedesca dopo 3 anni di assenza.