MotoGP, Yamaha, Valentino Rossi: «Non sarà facile trovare nuovi talenti ma ci proveremo»

Rossi-Morbidelli-MotoGP
@vr46ridersacademyofficial Instagram

La VR46 Riders Academy di Valentino Rossi è alla costante ricerca di nuovi talenti da lanciare nel panorama mondiale: sarà un’impresa ardua, però, trovare altri Morbidelli e Bagnaia

La possibilità di scovare ragazzi dal futuro roseo e assicurato non è qualcosa di così scontato ma, a volte, l’abnegazione nel lavoro può portare risultati altrettanto positivi. Di questa idea ne è fermamente convinto Valentino Rossi. La sua VR46 Riders Academy, da qualche tempo, ha iniziato a raccogliere frutti importanti, grazie soprattutto al talento di due giovani sbocciati in Moto2 come Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia. Certo, sarà difficile trovare altri campioni di quel calibro, e Rossi lo sa bene, ma il Campione di Tavullia e il suo team non si perderanno d’animo e cercheranno di trovare portacolori altrettanto competitivi.

«Il nostro desiderio, per l’anno prossimo, è quello di continuare a vincere: faremo il CIV anziché il CEV. Siamo consapevoli che sarà dura ottenere gli stessi risultati di Morbidelli, Pecco e di mio fratello, ma sarà nostro dovere provarci. Vorrei cercare di continuare a farlo anche perché lavorare con i giovani mi piace». Inizialmente, il desiderio sarebbe stato quello di investire e coinvolgere anche il Mondiale di MotoE, riservato alle moto elettriche, ma le contingenze rappresentate, in particolare, dalla mancanza di risorse hanno costretto il team a rinunciare: «Quest’anno non gareggeremo con le moto elettriche. Vedremo il campionato, ma non abbiamo il personale sufficiente e lo spazio per allestire un altro team, in modo da farlo nel modo migliore possibile».